giovedì 10 giugno 2010

Gli amici del Kookaburra



Nonstante l'arrivo degli europei abbia causato danni irreparabili, e nonostante la gran parte del continente sia quasi un deserto, anche stando in città si vive continuamente a contatto con tantissime specie animali che sembrano non aver nessuna paura dell'uomo.

I ragni sono praticamente ovunque, alcuni serpenti li si può incontrare nei quartieri più boscosi (andate a vedere lo foto del post 'il milionesimo albero'), iguane, lucertole grandi e piccole e tartarughe vivono tranquillamente nei parchi cittadini, gli opossum si scatenano di notte arrampicandosi sugli alberi, sui pali della luce, nei balconi di casa, mentre il cielo è solcato dalle grandi ali delle flying fox, pipistrelli grandi come gatti.

Ma sono gli uccelli a non avere limiti.
Nei parchi della città, soprattutto alla domenica quando la gente va a godersi il sole arrostendo salsicce nei barbeque comunali, si può assistere all'invasione degli ibis e dei gabbiani (silver gull), aguerritissimi nella lotta per conquistare i resti del cibo umano. Sono spesso affiancati da sparuti esemplari di bush turkey, tacchini selvatici, molto timidi e perennemente perdenti.
Un famelico ibis, in guerra con i silver gull ed il timido bush turkey, nell'ordine


Da non sottovalutare pure la sfrontatezza del yellow throated miner, che l'altro giorno ai giardini botanici ha preteso le patatine fritte quasi dalla mia mano, mentre un ibis continuava a girare sotto le gambe del tavolo.
(in realtà é proibito dare da mangiare agli animali selvatici, per questone di dieta)


Camminando per starda non si può fare a meno di notare i possenti e fastidiosi corvi neri, dall'incessante, sgraziato e forte richiamo. Sono ovunque e sembrano voler annichilire la concorrenza. Ma quando si arriva in prossimità degli alberi giusti, il fastidioso verso dei corvi è annullato dall'incessante guerra dei pappagalli colorati (rainbow lorikeets), bellissimi e liberi.
(Gli stessi che da noi esistono solo in gabbia e sono pure cari!)
La sfida tra i grandi casinisti della città non conosce soste


Sempre facendo due passi, nella stagione giusta, si può venire attaccati dalle australian magpie (stessa famiglia dei corvi, forse gazzeladre) o dalle masked lapwing, che non vogliono intrusi vicino ai loro nidi.
Gli attacchi si concretizzano in ripetuti voli radenti sulla testa dei passanti


Facile poi incontrare il crested pigeon ed il dusky moorhen, vicino ai laghetti, in compagnia del piccolo willy wagtail, che scodinzola continuamente.
Crested Pigeon, dusky moorhen e il willy wagtail, nell'ordine


Poi non posso non aggiungere due pennuti per i quali ho tristemente pagato un biglietto d'ingresso.
Uno è l'Emù, enorme, buono, un tempo libero e diffuso (così come il Cassowary) e uno è questo:
il bush stone-curlew, che non ho mai visto in giro. Stava anche lui tristemente dentro la gabbia, ma la cosa assurda è che ad un metro di distanza ce n'era un altro, libero, che gironzolava annoiato!

Comunque questa foto immortala il mio scambio di idee con l'emù:
Mentre il Cassowary rimaneva perplesso..


Tornando alla nostra passeggiata, ogni sera in città, proprio tra le macchine ed i vetri dei grattacieli, si può sentire il particolare e forte verso del pied currawong.


Ed ecco quindi un esempio di alcuni versi che si sentono continuamente per le strade di Brisbane:



Ma questa brevissima panoramica dei pennuti che si incontrano continuamente per le strade di questa città, nella quale ho tralasciato i grandi e furibondi pappagalli sulphur crested cookatoo, nonchè le comuni papere e i cigni dei laghetti, senza contare i giganteschi pellicani che stanno vicino al mare, tutto ciò che ho scritto, dicevo, non è altro che l'introduzione per dire che ogni mattina veniamo svegliati non dalle urla del kookaburra, ma dal canto del pied butcherbird, un uccello in grado di emettere una gran varietà di suoni.

Ecco qua un video su youtube in cui il nostro amico si scatena in varie interpretazioni.


L'esemplare che canta ogni mattina qua a Spring Hill si limita ad una sorta di imitazione del gufo, ma va avanti per qualche ora!

2 commenti:

C8 ha detto...

Io tifo per i gabbiani!

F ha detto...

Tiferesi per il Bush Turkey se vedessi quant'è brutto! :)